Riflessioni “Con me”


di Antonella Pederiva

Un peccato quasi tradurla questa poesia di Enzo Gragnaniello, è nel dialetto napoletano che esprime tutto il suo significato. Ogni volta che l’ascolto si fa forte il ricordo di mia madre e sento caldo scorrere in me il suo sangue campano.

Il grande Roberto Murolo fonte foto /Wikipedia

CON ME
Scendi con me
in fondo al mare a trovare
quello che non abbiamo qui
Vieni con me
e comincia a capire
come è inutile stare a soffrire
Guarda questo mare
che ci infonde le paure
sta cercando di insegnarci
Ah, come si fa
a tormentare l’anima che vuole volare
se tu non scendi in fondo
non lo puoi sapere
No, come si fa
a prendere soltanto
il male che c’è
e poi lasciare questo cuore
solo in mezzo alla strada
Sali con me
e comincia a cantare
insieme alle note che l’aria dà
Senza guardare
tu continua a volare
mentre il vento
ci porta là
Dove ci sono
le parole più belle
che prendi per imparare
Ah come si fa
a tormentare l’anima che vuole volare
se tu non scendi in fondo
non lo puoi sapere
No, come si fa
a prendere soltanto il male che c’è
e poi lasciare questo cuore
solo in mezzo alla strada.

Pubblicato da EMMEA Video & Poetry

Rappresenta l'unione di arte(Poesia) e Immagine (video) tra ANTONELLA PEDERIVA, scrittrice, poeta web journalist e MARCO BARTOLOMEI Videomaker.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: