QUALI DISABILI?


di Antonella Pederiva .

Fonte foto: web
Scena dal film
Quasi amici – Intouchables
film del 2011 diretto da Olivier Nakache e Éric

La giornata dedicata alla disabilità sta arrivando a sera. Sta calando il sipario, gli spettatori stanno ritirandosi ordinatamente. Prima le autorità, in ordine di gerarchia, poi il pubblico fatto di gente comune. Ma lo spettacolo non è finito. Dietro la tenda la tragedia si sta ancora consumando, nascosta agli occhi di chi si è defilato. Rispetto ad anni fa qualcosa si è fatto, ricorrenze come queste non sono inutili. Sensibilizzare serve ma ancora di più servirebbe formare coscienze. Viviamo in una società in cui conta di più l’apparire rispetto all’essere o meglio dove l’essere coincide con l’apparire. Una società che fa riferimento ad immagini stereotipate, frutto di una cultura fatta di modelli e icone generati dal mondo della pubblicità, dello sport, dello spettacolo, della televisione, del web; un mondo “preconfezionato” di regole e format che inquadrano le persone in target ben definiti. Una società che produce prodotti di bellezza da esibire sul mercato, concetti di perfezione intesi come assoluti e assolutisti. Ezio Bosso, grande compositore e musicista, recentemente scomparso, di sé scriveva: “La malattia non è la mia identità, è più una questione estetica. Ha cambiato i miei ritmi, la mia vita. Ogni tanto “evaporo”. Ma non ho paura che mi tolga la musica, perché lo ha già fatto. La cosa peggiore che possa fare è tenermi fermo. Ogni giorno che c’è, c’è. E il passato va lasciato a qualcun altro. Sono un uomo con una disabilità evidente in mezzo a tanti uomini con disabilità che non si vedono”. Uomini, donne, persone, non disabili, questo è quello che i nostri occhi devono abituarsi a vedere. Occasioni e opportunità di crescita, come per tutti, servizio, aiuti, abbattimento di barriere. E ancora, inclusione, sostegni, e una vicinanza fatta di gesti senza compatimento, privi di commiserazione ma fatti di compassionevole empatia e partecipazione. Perché la vita è fatta di tanti tasselli, sfaccettature variopinte della stessa realtà.(Antonella Pederiva)Emmeavideopoetry.com

Pubblicato da EMMEA Video & Poetry

Rappresenta l'unione di arte(Poesia) e Immagine (video) tra ANTONELLA PEDERIVA, scrittrice, poeta web journalist e MARCO BARTOLOMEI Videomaker.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: