L’AMORE GUARDÒ IL TEMPO E RISE


di Antonella Pederiva .

Cosa c’è di più relativo del tempo? La nozione del tempo è nella nostra testa. Un minuto può avere una durata pari ad un’ora. Un’ora può essere un minuto. Si può persino fermare, il tempo, e restare sospesi per sempre in un attimo. Così l’amore, l’amore che il tempo ha fermato in quell’attimo, aldilà dei limiti dello spazio, resta e non muore. L’AMORE GUARDÒ IL TEMPO E RISE.

fonte foto / fotomontaggio da immagini web

E l’amore guardò il tempo e rise.

Un sorriso lieve come un sospiro,

come l’ironia di un batter di ciglio,

come il sussurro di una verità scontata.

Perché sapeva di non averne bisogno.

Perché sapeva l’infinita potenza del cuore

e la sua poesia e la magia di un universo perfetto,

al di là dei limiti del tempo e dello spazio.

E le ragioni dell’uomo, fragile come un pulcino,

smarrito come un uccello,

cannibale come un animale da preda.

Perché conosceva la tenerezza di una madre,

l’incanto di un bacio, il lampo di un incontro.

Poi finse di morire per un giorno,

nella commedia della vita,

nell’eterno gioco della paura,

nascosto, con il pudore della sofferenza,

con la rabbia della carne,

con il desiderio di una carezza.

Ma era là, beffardo, testardo, vivo.

E rifiorì alla sera,

senza leggi da rispettare,

come un Dio che dispone, sicuro di sé,

bello come la scoperta, profumato come la luna.

Ma poi si addormentò in un angolo di cuore

per un tempo che non esisteva

e il tempo cercò di prevalere,

nel grigio di un’assenza senza musica, senza colori.

E sbriciolò le ore nell’attesa,

nel tormento per dimenticare il suo viso, la sua verità.

Ma l’amore negato, offeso,

fuggì senza allontanarsi,

ritornò senza essere partito,

perché la memoria potesse ricordare

e le parole avessero un senso

e i gesti una vita e i fiori un profumo

e la luna una magia.

Perché l’emozione bruciasse il tempo e le delusioni,

perché la danza dei sogni fosse poesia.

Così mentre il tempo moriva, restava l’amore.

Poesia di Antonino Massimo Rugolo, erroneamente accorciata dal web e attribuita a Pirandello. Emmeavideopoetry.com

Pubblicato da EMMEA Video & Poetry

Rappresenta l'unione di arte(Poesia) e Immagine (video) tra ANTONELLA PEDERIVA, scrittrice, poeta web journalist e MARCO BARTOLOMEI Videomaker.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: