LO STRUMENTO CON CUI SCRIVO


Di Antonella Pederiva

“Andando dove devi andare, e facendo quello che devi fare, e vedendo quello che devi vedere, smussi e ottundi lo strumento con cui scrivi. Ma io preferisco averlo storto e spuntato e sapere che ho dovuto affilarlo di nuovo sulla mola e ridargli la forma a martellate e renderlo tagliente con la pietra, e sapere che avevo qualcosa da scrivere, piuttosto che averlo lucido e splendente e non avere niente da dire, o lustro e ben oliato nel ripostiglio, ma in disuso.”

(Ernest Hemingway)

fonte foto web

Di che cosa parla Hemingway in tutto questo giro di parole? Cerchiamo di analizzare bene la metafora. Non parla forse della vita, dei nostri talenti, dei rischi che ci assumiamo o non assumiamo? Preferisco assumermi la responsabilità di dire, di fare e di sbagliare, di fidarmi e di rimanere fregata, di rischiare e di perdere, di testimoniare e di mettermi in gioco, di espormi. Preferisco avere qualcosa da scrivere e consumare inchiostro, che conservare la mia penna, lucida e al sicuro nella sua custodia.

(Antonella Pederiva)

Pubblicato da EMMEA Video & Poetry

Rappresenta l'unione di arte(Poesia) e Immagine (video) tra ANTONELLA PEDERIVA, scrittrice, poeta web journalist e MARCO BARTOLOMEI Videomaker.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: