CESARE PAVESE. L’AMICO CHE DORME


di ANTONELLA PEDERIVA

Fare i conti ogni giorno con la propria sensibilità e con la propria inquietudine, seppellire i fantasmi di un’infanzia travagliata, soffocare quella voglia di abbandonare tutto e tutti, tutte le ingiustizie e le storture di un mondo che si vorrebbe diverso, in cui il vivere diventa un mestiere. “Ho imparato a scrivere, non a vivere” dirà una volta. Reggere il passo con le proprie emozioni non è facile, ancora più difficile se sei un poeta e ti chiami Cesare Pavese. Pavese non resse, il suo carattere schivo e solitario non lo aiutò. Il 27 agosto dell’anno 1950, in una camera d’albergo di Torino, immerso nella solitudine che aveva ormai divorato il suo cuore, sciolse 10 bustine di sonnifero nell’acqua e decise di addormentarsi per sempre. Sul suo comodino poche righe, scritte in fretta sulla prima pagina di un suo libro,”Perdono tutti e a tutti chiedo perdono. Va bene? Non fate troppi pettegolezzi.” Quel “va bene”, credo esprima tante cose. “Siete contenti?”, sembra dire. Pavese aveva ceduto le armi, lasciato il posto ad altri. Chissà quante cose avrebbe potuto scrivere, quanti altri messaggi inviare ad un mondo con la coscienza addormentata! “Non fate troppi pettegolezzi”, non filateci su troppo. Sapeva bene, il grande poeta, quanto la gente possa essere malevola, quante parole senza senso sia in grado di sprecare. Forse l’ultimo pensiero sarà stato rivolto alla sua amata, forse no, chissà. Forse la morte avrà avuto proprio quegli occhi, come scrisse in una sua poesia, forse avrà avuto gli occhi di una vita mal sopportata. “Non parole. Un gesto. Non scriverò più” annoterà nel suo diario. La pagina portava la data del 21 agosto. Il poeta aveva già deciso, aveva deciso di rinunciare a combattere. Ci vuole più coraggio a restare o a fuggire? Non vorrei fare troppi pettegolezzi, come lui consigliò, quindi scriverò solo ancora che Pavese fu, che è, uno dei più grandi e talentuosi scrittori del Novecento capace di scrivere libri come “La luna e i falò”, “Lavorare stanca”, “Il compagno”, “Paesi tuoi”, “La bella estate” e poesie meravigliose come queste:

fonte foto web

ASCOLTEREMO NELLA CALMA STANCA

Ascolteremo nella calma stanca

la musica remota

della nostra tremenda giovinezza

che in un giorno lontano

si curvò su se stessa

e sorrideva come inebriata

dalla troppa dolcezza e dal tremore.

Sarà come ascoltare in una strada

nella divinità della sera

quelle note che salgono slegate

lente come il crepuscolo

dal cuore di una casa solitaria.

Battiti della vita,

spunti senz’armonia,

ma che nell’ansia tesa del tuo amore

ci crearono, o anima,

le tempeste di tutte le armonie.

Ché da tutte le cose

siamo sempre fuggiti

irrequieti e insaziati

sempre portando nel cuore

l’amore disperato

verso tutte le cose.

L’AMICO CHE DORME

Che diremo stanotte all’amico che dorme?

La parola più tenue ci sale alle labbra

dalla pena più atroce.

Guarderemo l’amico,

le sue inutili labbra che non dicono nulla,

parleremo sommesso.

La notte avrà il volto

dell’antico dolore che riemerge ogni sera

impassibile e vivo.

Il remoto silenzio soffrirà come un’anima, muto, nel buio.

Parleremo alla notte che fiata sommessa.

Udiremo gli istanti stillare nel buio

al di là delle cose, nell’ansia dell’alba,

che verrà d’improvviso incidendo le cose

contro il morto silenzio.

L’inutile luce svelerà il volto assorto del giorno.

Gli istanti taceranno.

E le cose parleranno sommesso.

Pubblicato da EMMEA Video & Poetry

Rappresenta l'unione di arte(Poesia) e Immagine (video) tra ANTONELLA PEDERIVA, scrittrice, poeta web journalist e MARCO BARTOLOMEI Videomaker.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: